Home Registrazione Recupera dati utente FAQChat Area download Lista utenti Calendario Cerca I messaggi di oggi Segna i forum come già letti
Torna indietro   Forum Palermo Calcio - Aquile Rosanero > Off topic > Fatti, notizie, curiosità da Palermo e dal mondo

Sondaggio: Tu sei favorevole?
Opzioni sondaggio
Tu sei favorevole?

Rispondi
 
LinkBack Strumenti discussione Modalità visualizzazione
Vecchio 24/05/2008, 07:20   #11 (permalink)
ospite romanista
 
L'avatar di Lili
 
Data registrazione: Feb 2008
Località: roma
Messaggi: 1,708
Lili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to beholdLili is a splendid one to behold
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da protozoo Visualizza messaggio
Citazione:
contrarissimo! Investirei tutti sti miliardi di euro nella ricerca seria e nel potenziamento di eolico e solare nonchè altre forme. eliminerei il bio diesel e simili perchè poi avremo il carburante o energia a 2 cent e i beni di prima necessità a 100 euro al chilo

concordo in pieno ed il perchè lo spiega meglio lui di quanto potrei fare io


Rubbia: "Né petrolio né carbone
soltanto il sole può darci energia"
di GIOVANNI VALENTINI



Carlo Rubbia in un disegno di Riccardo Mannelli

GINEVRA - Petrolio alle stelle? Voglia di nucleare? Ritorno al carbone? Fonti rinnovabili? Andiamo a lezione di Energia da un docente d'eccezione come Carlo Rubbia, premio Nobel per la Fisica: a Ginevra, dove ha sede il Cern, l'Organizzazione europea per la ricerca nucleare. Qui, a cavallo della frontiera franco-svizzera, nel più grande laboratorio del mondo, il professore s'è ritirato a studiare e lavorare, dopo l'indegna estromissione dalla presidenza dell'Enea, il nostro ente nazionale per l'energia avviluppato dalle pastoie della burocrazia e della politica romana.

Da qualche mese, Rubbia è stato nominato presidente di una task-force per la promozione e la diffusione delle nuove fonti rinnovabili, "con particolare riferimento - come si legge nel decreto del ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio - al solare termodinamico a concentrazione". Un progetto affascinante, a cui il premio Nobel si è dedicato intensamente in questi ultimi anni, che si richiama agli specchi ustori di Archimede per catturare l'energia infinita del sole, come lo specchio concavo usato tuttora per accendere la fiaccola olimpica. E proprio mentre parliamo, arriva da Roma la notizia che il governo uscente, su iniziativa dello stesso ministro dell'Ambiente e d'intesa con quello dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani, ha approvato in extremis un piano nazionale per avviare anche in Italia questa rivoluzione energetica.

Prima di rispondere alle domande dell'intervistatore, da buon maestro Rubbia inizia la sua lezione con un prologo introduttivo. E mette subito le carte in tavola, con tanto di dati, grafici e tabelle.




Il primo documento che il professore squaderna preoccupato sul tavolo è un rapporto dell'Energy Watch Group, istituito da un gruppo di parlamentari tedeschi con la partecipazione di scienziati ed economisti, come osservatori indipendenti. Contiene un confronto impietoso con le previsioni elaborate finora dagli esperti della IEA, l'Agenzia internazionale per l'energia. Un "outlook", come si dice in gergo, sull'andamento del prezzo del petrolio e sulla produzione di energia a livello mondiale. Balzano agli occhi i clamorosi scostamenti tra ciò che era stato previsto e la realtà.

Dalla fine degli anni Novanta a oggi, la forbice tra l'outlook della IEA e l'effettiva dinamica del prezzo del petrolio è andata sempre più allargandosi, nonostante tutte le correzioni apportate dall'Agenzia nel corso del tempo. In pratica, dal 2000 in poi, l'oro nero s'è impennato fino a sfondare la quota di cento dollari al barile, mentre sulla carta le previsioni al 2030 continuavano imperterrite a salire progressivamente di circa dieci dollari di anno in anno. "Il messaggio dell'Agenzia - si legge a pagina 71 del rapporto tedesco - lancia un falso segnale agli uomini politici, all'industria e ai consumatori, senza dimenticare i mass media".

Analogo discorso per la produzione mondiale di petrolio. Mentre la IEA prevede che questa possa continuare a crescere da qui al 2025, lo scenario dell'Energy Watch Group annuncia invece un calo in tutte le aree del pianeta: in totale, 40 milioni di barili contro i 120 pronosticati dall'Agenzia. E anche qui, "i risultati per lo scenario peggiore - scrivono i tedeschi - sono molto vicini ai risultati dell'EWG: al momento, guardando allo sviluppo attuale, sembra che questi siano i più realistici". C'è stata, insomma, una ingannevole sottovalutazione dell'andamento del prezzo e c'è una sopravvalutazione altrettanto insidiosa della capacità produttiva.

Passiamo all'uranio, il combustibile per l'energia nucleare. In un altro studio specifico elaborato dall'Energy Watch Group, si documenta che fino all'epoca della "guerra fredda" la domanda e la produzione sono salite in parallelo, per effetto delle riserve accumulate a scopi militari. Dal '90 in poi, invece, la domanda ha continuato a crescere mentre ora la produzione tende a calare per mancanza di materia prima. Anche in questo caso, come dimostra un grafico riassuntivo, le previsioni della IEA sulla produzione di energia nucleare si sono fortemente discostate dalla realtà.

Che cosa significa tutto questo, professor Rubbia? Qual è, dunque, la sua visione sul futuro dell'energia?

"Significa che non solo il petrolio e gli altri combustibili fossili sono in via di esaurimento, ma anche l'uranio è destinato a scarseggiare entro 35-40 anni, come del resto anche l'oro, il platino o il rame. Non possiamo continuare perciò a elaborare piani energetici sulla base di previsioni sbagliate che rischiano di portarci fuori strada. Dobbiamo sviluppare la più importante fonte energetica che la natura mette da sempre a nostra disposizione, senza limiti, a costo zero: e cioè il sole che ogni giorno illumina e riscalda la terra".

Eppure, dagli Stati Uniti all'Europa e ancora più nei Paesi emergenti, c'è una gran voglia di nucleare. Anzi, una corsa al nucleare. Secondo lei, sbagliano tutti?

"Sa quando è stato costruito l'ultimo reattore in America? Nel 1979, trent'anni fa! E sa quanto conta il nucleare nella produzione energetica francese? Circa il 20 per cento. Ma i costi altissimi dei loro 59 reattori sono stati sostenuti di fatto dal governo, dallo Stato, per mantenere l'arsenale atomico. Ricordiamoci che per costruire una centrale nucleare occorrono 8-10 anni di lavoro che la tecnologia proposta si basa su un combustibile, l'uranio appunto, di durata limitata. Poi resta, in tutto il mondo, il problema delle scorie".

Ma non si parla ormai di "nucleare sicuro"? Quale è la sua opinione in proposito?

"Non esiste un nucleare sicuro. O a bassa produzione di scorie. Esiste un calcolo delle probabilità, per cui ogni cento anni un incidente nucleare è possibile: e questo evidentemente aumenta con il numero delle centrali. Si può parlare, semmai, di un nucleare innovativo".

In che cosa consiste?

"Nella possibilità di usare il torio, un elemento largamente disponibile in natura, per alimentare un amplificatore nucleare. Si tratta di un acceleratore, un reattore non critico, che non provoca cioè reazioni a catena. Non produce plutonio. E dal torio, le assicuro, non si tira fuori una bomba. In questo modo, si taglia definitivamente il cordone fra il nucleare militare e quello civile".

Lei sarebbe in grado di progettare un impianto di questo tipo?

"E' già stato fatto e la tecnologia sperimentata con successo su piccola scala. Un prototipo da 500 milioni di euro servirebbe per bruciare le scorie nucleari ad alta attività del nostro Paese, producendo allo stesso tempo una discreta quantità di energia".

Ora c'è anche il cosiddetto "carbone pulito". La Gran Bretagna di Gordon Brown ha riaperto le sue miniere e negli Usa anche Hillary Clinton s'è detta favorevole...

"Questo mi ricorda la storia della botte piena e della moglie ubriaca. Il carbone è la fonte energetica più inquinante, più pericolosa per la salute dell'umanità. Ma non si risolve il problema nascondendo l'anidride carbonica sotto terra. In realtà nessuno dice quanto tempo debba restare, eppure la CO2 dura in media fino a 30 mila anni, contro i 22 mila del plutonio. No, il ritorno al carbone sarebbe drammatico, disastroso".

E allora, professor Rubbia, escluso il petrolio, escluso l'uranio ed escluso il carbone, quale può essere a suo avviso l'alternativa?

"Guardi questa foto: è un impianto per la produzione di energia solare, costruito nel deserto del Nevada su progetto spagnolo. Costa 200 milioni di dollari, produce 64 megawatt e per realizzarlo occorrono solo 18 mesi. Con 20 impianti di questo genere, si produce un terzo dell'elettricità di una centrale nucleare da un gigawatt. E i costi, oggi ancora elevati, si potranno ridurre considerevolmente quando verranno costruiti in gran quantità".

Ma noi, in Italia e in Europa, non abbiamo i deserti...

"E che vuol dire? Noi possiamo sviluppare la tecnologia e costruire impianti di questo genere nelle nostre regioni meridionali o magari in Africa, per trasportare poi l'energia nel nostro Paese. Anche gli antichi romani dicevano che l'uva arrivava da Cartagine. Basti pensare che un ipotetico quadrato di specchi, lungo 200 chilometri per ogni lato, potrebbe produrre tutta l'energia necessaria all'intero pianeta. E un'area di queste dimensioni equivale appena allo 0,1 per cento delle zone desertiche del cosiddetto sun-belt. Per rifornire di elettricità un terzo dell'Italia, un'area equivalente a 15 centrali nucleari da un gigawatt, basterebbe un anello solare grande come il raccordo di Roma".

Il sole, però, non c'è sempre e invece l'energia occorre di giorno e di notte, d'estate e d'inverno.

"D'accordo. E infatti, i nuovi impianti solari termodinamici a concentrazione catturano l'energia e la trattengono in speciali contenitori fino a quando serve. Poi, attraverso uno scambiatore di calore, si produce il vapore che muove le turbine. Né più né meno come una diga che, negli impianti idroelettrici, ferma l'acqua e al momento opportuno la rilascia per alimentare la corrente".

Se è così semplice, perché allora non si fa?

"Il sole non è soggetto ai monopoli. E non paga la bolletta. Mi creda questa è una grande opportunità per il nostro Paese: se non lo faremo noi, molto presto lo faranno gli americani, com'è accaduto del resto per il computer vent'anni fa".
Lili non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 08:00   #12 (permalink)
Carbonaro rosanero
 
L'avatar di Coriolano della Floresta
 
Data registrazione: Apr 2005
Località: Palermo. Grotte dei Beati Paoli
Età: 39
Messaggi: 2,567
Coriolano della Floresta ha un'aura spettacolareCoriolano della Floresta ha un'aura spettacolareCoriolano della Floresta ha un'aura spettacolareCoriolano della Floresta ha un'aura spettacolareCoriolano della Floresta ha un'aura spettacolare
Predefinito

Favorevole per i motivi che avete già citato e anche per porre fine all'ipocrisia dell'Enel che è già proprietaria di centrali nucleari ma costruite all'estero!!! Questo comunque dimostra che in fin dei conti non partiamo da zero come conoscenza ed esperienza.
Riguardo la sicurezza ricordo che gli incidenti nucleari sono stati pochissimi nella storia e l'unico di veramente grave entità è stato quello di Chernobil. Li però non fallì l'energia nucleare ma il sistema sovietico di gestione degli impianti e della crisi. I tecnici del luogo neanche conoscevano alcune informazioni vitali sui reattori e il loro funzionamento perchè erano top secret, mancavano alcune strumentazioni sempre per lo stesso motivo, le decisioni da prendere in pochi secondi andavano autorizzate da Mosca e in segreto, erano secretate anche le misure di sicurezza a cui attenersi e si potrebbe continuare!!!
Oggi incidenti dle genere non potrebbero mai più avvenire!!!
Coriolano della Floresta non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 08:06   #13 (permalink)
Colonizzatore e Admin Rosanero
 
L'avatar di protozoo
 
Data registrazione: Apr 2005
Località: Roma
Messaggi: 33,721
protozoo ha disabilitato la reputazione
Predefinito

3 miliardi di euro solo per costruire 1 centrale + i costi della manutenzione, degli stipendi, dello smaltimento delle scorie (dove e come?)....ed avremo i primi risultati fra almeno 10 anni co sti soldi non può fare di meglio
__________________
Avere dignità significa non tifare le tre strisciate rube in primis. Zeman unico vero Signore nel calcio. I leghisti? la dimostrazione che Darwin aveva ragione.
protozoo non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 08:30   #14 (permalink)
 
L'avatar di Dr. Manetta
 
Data registrazione: May 2005
Messaggi: 0
Dr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente delusoDr. Manetta ha profondamente deluso
Predefinito

Non sono d' accordo su chi dice che l' energia Solare è poco conveniente.
Basterebbe montare un pannello solare o poco più sopra ogni palazzo per avere non solo l' energia sufficiente per il fabbisogno giornaliero, ma ce ne sarebbe anche in eccesso
è quello che accade in alcuni paesi europei, tipo la Germania se non mi sbaglio, dove è la popolazione a vendere l' energia agli enti pubblici e privati.
Dr. Manetta non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 09:31   #15 (permalink)
Admin Custode ra mobilia
 
L'avatar di Daper
 
Data registrazione: Jul 2005
Località: a me casa
Età: 43
Messaggi: 24,705
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Predefinito

In Svezia addirittura stanno sviluppando un progetto che prevede lo sfruttamento delle onde del mare e delle correnti. Ovviamente, energia pulita non nucleare...

Quelli sono avanti, mica trogloditi come l'italia
__________________
Serie A 2015/16 :salvi.
Serie A 2016/17 : un presidente nuovo alla salvezza.
Daper non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 09:38   #16 (permalink)
Banned
 
Data registrazione: Jan 2008
Località: Pisa
Messaggi: 73
ifero-sanero è ad una quantità indefinita
Predefinito

favorevole.....intanto:
1) ce le abbiamo dietro l'angolo, quindi scuse del tipo "se succedesse un disastro..." ecc ecc non hanno senso
2)Per quanto riguarda il consumo di acqua, si può fare come in danimarca...ovvero "le fabbriche che usano acqua per raffreddare le torri e cose simili, la incanalano GRATIS verso le case e danno riscaldamento gratuito"
3)Tanti posti di lavoro in più....

poi giustamente sarebbe più intelligente andare esclusivamente verso EOLICO e SOLARE, ma (come dicono i nostri buoni politici) queste cose deturpano la bellezza dei nostri paesaggi....
è inutile, si rimarrà nella cacca....finchè saremo governati da 60enni (sia di dx che di sx)
ifero-sanero non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 10:43   #17 (permalink)
Vikingo RosaNero
 
L'avatar di Gambler11
 
Data registrazione: May 2005
Località: Svezia
Messaggi: 2,024
Gambler11 è su una strada distinta
Invia un messaggio via MSN a Gambler11
Predefinito

Citazione:
Originalmente inviato da Daper Visualizza messaggio
In Svezia addirittura stanno sviluppando un progetto che prevede lo sfruttamento delle onde del mare e delle correnti. Ovviamente, energia pulita non nucleare...

Quelli sono avanti, mica trogloditi come l'italia

si ma hanno anche le centrali!!

L'altro ieri le hanno chiuse entrambe!!! Hanno trovato due dipendenti stagionali con della dinamite credo TNT. bellu scantu!!


Io sono contrario alle centrali. Penso già alla camorra!! metterebbero le scorie dentro il vesuvio
Gambler11 non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 11:25   #18 (permalink)
Admin Custode ra mobilia
 
L'avatar di Daper
 
Data registrazione: Jul 2005
Località: a me casa
Età: 43
Messaggi: 24,705
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Predefinito

Citazione:
Io sono contrario alle centrali. Penso già alla camorra!! metterebbero le scorie dentro il vesuvio


Una torta troppo appetibile per la malavita organizzata... così come il ponte (che bel regalo alla mafia ), ma questo è un altro discorso
__________________
Serie A 2015/16 :salvi.
Serie A 2016/17 : un presidente nuovo alla salvezza.
Daper non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 12:02   #19 (permalink)
BelliCapelli (ADMIN) ARN
 
L'avatar di Fulvio
 
Data registrazione: Apr 2005
Località: Baaria
Età: 28
Messaggi: 11,678
Fulvio ha disabilitato la reputazione
Invia un messaggio via ICQ a Fulvio
Predefinito

Contrarissimo, sono in linea con proto daper e manetta.... mettiamoci anke che consumiamo fin troppa energia inutile....


cmq che nel 2007 l'energia prodotta dalle pale eoliche a superato quella prodotta dal nucleare, questo significa che l'eolico non produce così poco come volevano farci credere in più è energia rinnovabile e pura


Incentiviamo su questo e sui nuovi fotovoltaici privi di sicilicio
__________________
Gli allenatori passano, i presidenti passano, i giocatori passano, il Palermo rimane... ricordatevelo sempre (Delio Rossi)
Spero che un giorno un'intercettazione dimostri che la finale Inter-Palermo era truccata...
Fulvio non è connesso   Rispondi citando
Vecchio 24/05/2008, 12:47   #20 (permalink)
Admin Custode ra mobilia
 
L'avatar di Daper
 
Data registrazione: Jul 2005
Località: a me casa
Età: 43
Messaggi: 24,705
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Daper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond reputeDaper has a reputation beyond repute
Predefinito

Per il fotovoltaico ormai è una realtà la tecnologia a tripla giunzione, che va a sostituire il monocristallino. Ma per qualche hanno ancora l'Enel installerà questa tecnologia obsoleta, visto che ha i magazzini pieni

Si sta inoltre sperimentando una sostanza spalmabile sulla facciata delle case per catturare l'energia solare.. ma siamo ancora lontani da risultati concreti e commerciabili
__________________
Serie A 2015/16 :salvi.
Serie A 2016/17 : un presidente nuovo alla salvezza.
Daper non è connesso   Rispondi citando
Rispondi


Torna indietro   Forum Palermo Calcio - Aquile Rosanero > Off topic > Fatti, notizie, curiosità da Palermo e dal mondo
Strumenti discussione
Modalità visualizzazione

Regole messaggi
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Attivato
Pingbacks are Attivato
Refbacks are Disattivato




Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 14:05.

Link sponsorizzati


Aquile Rosanero Home
Powered by vBulletin® versione 3.8.0
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
SEO by vBSEO 3.1.0